Riso amaro (film, 1949)

Riso amaro (1949) è un film drammatico diretto da Giuseppe De Santis, interpretato da Silvana Mangano, Doris Dowling, Vittorio Gassman, Raf Vallone, Checco Rissone.

Trama

Francesca, giovane cameriera d’albergo, istigata dal suo amante, Walter, ruba la collana di una cliente. Mentre fuggono, Francesca si mescola alle mondine, che partono in treno. Nel dormitorio delle mondariso, Francesca viene derubata della collana per opera di una compagna, Silvana. Sul luogo del lavoro giunge Walter, il quale avendo appreso che Silvana è presumibilmente in possesso della collana, la circuisce. Silvana non è insensibile alle premure del lestofante e, abbandonato un sergente che l’ama, diviene l’amante di Walter, mentre il sergente fa la corte a Francesca, che si è pentita del male fatto. Walter, avendo scoperto che la collana rubata è falsa, decide, per rifarsi, di rubare il riso accumulato nei magazzini come premio finale per le mondariso. Mentre le ragazze festeggiano la fine della stagione di lavoro, Walter convince Silvana a immettere di nuovo l’acqua nei campi, per distrarre l’attenzione delle mondine e degli operai. Il sergente, accortosi di tutto, coglie i ladri sul fatto. Nella sparatoria che segue, Walter viene ucciso. Silvana, disperata, s’uccide.

Barra laterale