Pasquetta a San Gerardo (Gallinaro)

pagina-in-preparazionePasquetta a San Gerardo è una manifestazione religiosa che si svolge a Gallinaro, ogni lunedì dell’Angelo, dal 1685. La festa ricorda la traslazione del corpo di san Gerardo, il patrono del paese, dal Santuario alla Chiesa dei SS. Giovanni Battista ed Evangelista. In onore del santo sono previste celebrazioni religiose, una solenne processione nelle vie del centro storico e fuochi d’artificio. Uno dei simboli della festa è la collana di castagne secche (in dialetto locale: nzèrta d’ casc’tagn’)), tradizionale souvenir da mangiare in ricordo dello storico avvenimento. Ogni anno la manifestazione vede la partecipazione di numerosi turisti e pellegrini.

Info

• Tipologia: festa religiosa
• Località: Gallinaro
Periodo di svolgimento: lunedì di Pasqua
Prima edizione: 1685

Storia

Nel 1685, in occasione dei lavori di riparazione dell’altare del Santuario di San Gerardo, furono ritrovate le ossa del santo e dei suoi compagni pellegrini: Stefano e Pietro. Le reliquie furono esaminate da una commissione teologica e medica nominata dal vescovo Guzzoni, che ne autorizzò la venerazione. Le reliquie, poste in tre urne, furono collocate in altrettante nicchie scavate nella parete retrostante l’altare principale della Chiesa dei SS. Giovanni Battista ed Evangelista.

Elementi di interesse

(in preparazione)

Curiosità

(in preparazione)

Fonti e riferimenti bibliografici

• Castrucci, Giacomo. Vita di S. Gerardo glorioso pellegrino inglese protettore della terra di Gallinaro del sacerdote d. Giacomo Castrucci… con alcune memorie della chiesa di Gallinaro. Napoli, Michele Migliaccio, 1827
• Celestino, Domenico. Venti secoli sulla collina. Casalvieri, Centro Studi Cominium, 1980
• Degni, Ettore. Gallinaro ed il santuario di san Gerardo confessore ieri ed oggi. Isola del Liri, Tip. Cellupica, 1978

Barra laterale