Assassinio al cimitero etrusco (film)

pagina-in-preparazioneAssassinio al cimitero etrusco (1982) è un film d’orrore diretto da Christian Plummer (Sergio Martino) e interpretato da Elvire Audray, Paolo Malco, Claudio Cassinelli, Marilù Tolo, John Saxon.

Info

• Tipologia: film di lungometraggio
• Genere: orrore
• Titolo originale: Assassinio al cimitero etrusco
• Lingua originale: italiano
• Paese di produzione: Italia/Francia
• Anno: 1982
• Durata: 98 minuti
• Colore: colore
• Audio: sonoro
• Produzione: Dania Film, Medusa Distribuzione, Publikampas, Films Jacques Leitienne, Imp.Ex.Ci.
• Luoghi delle riprese: Parco di Veio a Formello, Italia (dintorni della tomba etrusca); Castello Chigi a Castel Fusano, Italia (dimora della contessa Maria Volumna); Grand Hotel Villa Fiorio a Grottaferrata, Italia (Hotel Velathri)
• Distribuzione: Medusa
• Altri titoli: Crime au cimetière étrusque, El asesino del cementerio etrusco, Lo scorpione a due code

Cast

• Regia: Christian Plummer (Sergio Martino)
• Soggetto: Ernesto Gastaldi, Dardano Sacchetti
• Sceneggiatura: Ernesto Gastaldi, Maria Chianetta, Jacques Leitienne
• Fotografia: Giancarlo Ferrando
• Musica: Fabio Frizzi
• Scenografia: Antonello Geleng
• Costumi: Antonello Geleng
• Montaggio: Eugenio Alabiso, Daniele Alabiso
• Suono: Roberto Petrozzi
• Effetti speciali: Paolo Ricci
• Produttore: Luciano Martino

Interpreti e personaggi principali

• Elvire Audray: Joan Mulligan
• Paolo Malco: Mike Grant
Claudio Cassinelli: Paolo Dameli
• Marilù Tolo: contessa Maria Volumna
Van Johnson: padre di Joan
• John Saxon: Arthur Barnard
• Wandisa Guida: Heather
Gianfranco Barra: commissario
• Franco Garofalo: fotografo
Maurizio Mattioli: Masaccio

Trama

Joan Mulligan è la moglie di Arthur Blanc, un etruscologo partito per la Toscana in cerca di materiale da esporre a una mostra. Arthur viene ucciso in circostanze misteriose e la grotta che aveva scoperto è la stessa che Joan ha visto in sogno. Probabilmente lei è la reincarnazione di un lucumone etrusco vissuto in tempi remoti. Da qui, seguirà una specie di assassinii che hanno in comune tutti lo stesso tipo di morte, finché si viene a scoprire che sotto la vicenda c’è qualcosa di molto grosso: un traffico di droga. Alla fine, Paolo Dameli – colui che è rimasto più vicino a Joan – si rivelerà l’autore di tutte quelle morti e sta per uccidere anche lei, finché Mike, il suo nuovo uomo, non accorre a salvarla.

Barra laterale